lineaitaliapiemonte.it | 23 giugno 2020, 15:13

Ristorante abusivo ( e non solo) in un appartamento di via Nizza a Torino

All’interno dell'appartamento gli agenti della Polizia e della Municipale hanno constatato la presenza di persone di varie nazionalità che avevano appena terminato di pranzare e, secondo quanto dichiarato dagli stessi, avevano anche pagato una somma in denaro per il servizio di ristorazione

Ristorante abusivo ( e non solo) in un appartamento di via Nizza a Torino

Venerdì scorso, nell'ambito di un servizio di controllo del territorio, agenti del Comando Sezione VIII (San Salvario – Cavoretto - Borgo Po) della Polizia Municipale, insieme al personale del Commissariato Barriera Nizza della Polizia di Stato, hanno effettuato un'ispezione mirata all'interno di un'abitazione di via Nizza.

L'immobile era stato oggetto di diverse segnalazioni per una presunta attività abusiva di somministrazione all'interno di un alloggio con l'ipotesi di altre sospette attività illecite, tra cui anche lo spaccio di sostanze. Traffici che, secondo le segnalazioni, avrebbero coinvolto persone estranee al condominio, non residenti e, inoltre, assembrate in violazione delle ordinanze sul distanziamento sociale. 

Dopo un periodo di appostamenti, gli agenti della Municipale e della Polizia di Stato sono entrati in azione per effettuare un controllo. All’interno hanno constatato la presenza di persone di varie nazionalità che avevano appena terminato di pranzare e, secondo quanto dichiarato dagli stessi, avevano anche pagato una somma in denaro per il servizio di ristorazione.

Gli agenti hanno quindi proceduto con l'identificazione della domiciliata, una quarantaduenne di cittadinanza senegalese, alla quale è stata contestata una sanzione pari a 4.000 euro per apertura abusiva di attività di somministrazione nell’abitazione, peraltro anche in precarie condizioni igienico sanitarie.

La perquisizione effettuata dagli agenti della Polizia di Stato, mirata a verificare gli altri illeciti segnalati, ha dato esito negativo tuttavia, all'interno del locale, è stato trovato un uomo di nazionalità gabonese con diversi precedenti per spaccio e una misura cautelare della Questura di ‘divieto di dimora nella provincia e nel Comune di Torino’. Il soggetto è stato indagato per violazioni inerenti le norme sull'immigrazione.

Sono inoltre in corso accertamenti in merito alla regolarità locativa dell'appartamento.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: