lineaitaliapiemonte.it | 14 marzo 2020

Coronavirus Piemonte, 13 nuovi decessi, in totale il numero dei morti sale a 59. L'assessore alla Sanità incontra il console cinese

Sono tredici i nuovi decessi in Piemonte di persone positive al test del “coronavirus covid19”, comunicati questa mattina dall’Unità di crisi. Si tratta di 10 persone della provincia di Alessandria (6 uomini e 4 donne), una donna del Torinese, una donna del Novarese e un uomo dell’Astigiano. Questa mattina L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte Icardi ha incontrato il console cinese di Milano per esprimergli la riconoscenza della Regione Piemonte per l’aiuto che sta ricevendo dalla Comunità cinese

CINQUANTANOVE DECESSI COMPLESSIVI

Complessivamente il totale dei deceduti è di 59, di cui il 66% uomini e il 34% donne. L’età media è di 81 anni.

Il totale dei decessi appare così ripartito per provincia di residenza: 28 ad Alessandria, 13 a Torino, 4 a Biella, 5 a Novara, 3 a Vercelli, 3 ad Asti, 2 a Cuneo, 1 nel Vco.

L’aggiornamento sui dati dei casi positivi verrà comunicato nel bollettino del pomeriggio.

L’ASSESSORE INCONTRA IL CONSOLE CINESE

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, ha incontrato questa mattina il console cinese di Milano, Junfu Ming, per esprimergli personalmente la riconoscenza della Regione Piemonte per l’aiuto che la Sanità piemontese sta ricevendo dalla Comunità cinese.

L’incontro è avvenuto a Grugliasco, nel deposito dove stano arrivando i dispositivi di protezione individuale donati dall’Associazione Nuova Generazione Italo-Cinese, con il contributo dell’Ambasciata italiana in Cina e del Consolato cinese di Milano.

Gli ultimi quattro container di materiale sono arrivati ieri, ma altri carichi sono in partenza dalla Cina per il Piemonte.

«La solidarietà del popolo cinese nei confronti dei piemontesi è vera e tangibile – commenta l’assessore Icardi -, siamo grati della collaborazione che stiamo ricevendo. Le nostre comunità, cinese e piemontese, hanno imparato a conoscersi e a darsi una mano a vicenda nei momenti di difficoltà».

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche: