Arte Oggi | 21 settembre 2021, 16:20

Andamento del primo semestre 2021 dell’Art Market Globale per i rivenditori. A cura di Paolo Turati

Riprendiamo quanto pubblicato da Art Basel e UBS in settembre "Resilienza nel settore dei rivenditori: a metà anno" -Review 2021, con dati elaborati dalla dottoressa Clare McAndrew di Arts Economics, indiscussa autorità in quest'ambito. Si tratta di un sondaggio che si basa su 700 rivenditori che operano nell'all'arte e nell'antiquariato in 54 regioni o paesi. Il rapporto presenta anche i risultati di un sondaggio su collezionisti high-net-worth (HNW) operanti con rivenditori e gallerie nel 2021 in cinque principali mercati d'arte: Stati Uniti, Regno Unito, RAS di Hong Kong (Cina), Germania e Svizzera. Traduzione a cura di Paolo Turati

Andamento del primo semestre 2021 dell’Art Market Globale per i rivenditori. A cura di Paolo Turati

• Occupazione: il numero medio degli occupati nel settore (sette) tornando ai livelli del 2019 dopo un calo nel 2020. Il 23% delle imprese ha ancora ridotto la propria forza lavoro nel 2020 tuttavia, nella prima metà del 2021, la quota di chi assume (25%) ha superato quella di chi perde personale (13%). Nel 2021, il 52% degli operatori ha riferito di averne alcuni dipendenti che lavorano in remoto, con il 27% che lo fa occasionalmente e il 25% in più regolarmente. Il 54% di quelle aziende che utilizzano il lavoro a distanza lo aveva ovviamente introdotto in risposta alla pandemia di COVID-19. Nel mercato primario, il 52% delle imprese attivantisi nel Settore ha avuto un fondatrice donna, e le donne costituivano la maggioranza dei dipendenti a livello di partner (61%) e il 76% delle vendite e dei direttori commerciali.

• Vendite in galleria: il 51% dei rivenditori ha registrato un aumento delle vendite nella prima metà del 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020, contro il 45% che ha registrato un calo e il restante 4% è rimasta a livello stabile. Le vendite del settore, nel complesso, sono aumentate del 10%. Tutti i segmenti del mercato superiori a $ 1 milione, hanno visto miglioramenti nelle vendite, con rivenditori con oltre $ 10 milioni di fatturato che hanno riportato la media più alta variazione positiva delle vendite (21%). I rivenditori con un fatturato inferiore a $ 250.000 hanno visto diminuire le vendite marginalmente al di sotto del primo semestre del 2020 e rivenditori di medie dimensioni tra $ 500.000 e $ 1 milione di fatturato hanno visto i volumi di vendita scendere in media del 3%. I rivenditori asiatici hanno registrato il più grande miglioramento delle vendite nella prima metà del 2021, con un aumento medio del 18% in 12 mesi: i rivenditori in Europa hanno segnalato le peggiori performances, con un calo medio del 7%.

• Vendite online: il passaggio alle vendite online non è stato affatto transitorio; la quota di vendite online per i rivenditori a tutti i livelli sono rimaste più del doppio rispetto al 2019 e questo canale ha rappresentato il 33% di tutte le vendite (o il 37%, incluse le Stanze di visualizzazione delle fiere d'arte Online). Pur essendo ancora una quota di minoranza nella prima metà del 2021, le vendite online a nuovi acquirenti si sono ampliate, rappresentando il 38% di tutte le vendite online in valore. Un ulteriore 25% era in capo a clienti esistenti che acquistavano online per la prima volta da rivenditori nel 2021. Sebbene potenzialmente indicativo del successo delle strategie digitali di acquisizione di clientela, i dati dimostrano tuttora le difficoltà di sostituire pienamente con affari in linea quelli tradizionali.

• Arte digitale: mentre l'arte digitale, cinematografica e video è rimasta relativamente di nicchia come percentuale (16%) nelle collezioni di HNWI, il 48% dei collezionisti di HNW ha riferito un interesse futuro per l'acquisto di opere d'arte digitale nei prossimi 12 mesi. L’Arte digitale ha rappresentato il 12% della spesa media aggregata dei collezionisti nel 2021, con la spesa più alta da parte dei millennial con una media di $ 20.000 nella prima metà del 2021. Tuttavia, il sondaggio sui rivenditori ha mostrato che le vendite di arte digitale hanno rappresentato meno dello 0,5% del valore delle vendite nel mercato primario nel 2021, indicando che una significativa parte dell'attività di vendita di NFT relative all'arte digitale è avvenuta al di fuori del quadro tradizionale della galleria.

• Ricchezza globale e acquirenti d'arte: nonostante la crisi, la spesa media dei collezionisti HNW è aumentata del 10% su base annua nel 2020 e la prima metà del 2021 ha visto un ulteriore aumento del 42% di spesa media (a $ 242.000), superiore al 2019 o al 2020 in soli sei mesi. Il processo è stato trainato dai collezionisti millennial, che hanno sostenuto la spesa più alta nel complesso ($ 378.000), più di tre volte il livello dei loro coetanei più anziani. Nella prima metà del 2021, la spesa delle collezioniste HNW donne è aumentata di poco più di un terzo a $ 410.000, più del doppio del livello delle loro controparti maschili, la cui la spesa è cresciuta solo del 9%. Rivenditori e gallerie sono state il canale più utilizzato per l’acquisto, con l'82% dei collezionisti che ha acquistato tramite un rivenditore nella prima metà del 2021. Quando viene presentata la scelta di acquistare opere tramite un rivenditore o una galleria rispetto ad un operatore mercato online, l'80% dei collezionisti preferisce i rivenditori. Nonostante le continue preoccupazioni e battute d'arresto, i collezionisti HNW hanno programmato di partecipare, in totale, 40 eventi nel 2021 – solo uno in meno rispetto alla media riportata nel 2019. Tra tutti i collezionisti, le piattaforme online sono state utilizzate da oltre un terzo del campione e il 32% ha acquistato direttamente tramite Instagram.

• Per gli artisti emergenti, le gallerie commerciali hanno rappresentato come numero di manifestazioni organizzate una quota del 36%. Per gli artisti storicizzati, i musei hanno svolto un ruolo più ampio; tuttavia quando anche gli artisti hanno raggiunto lo status di “top 2% a livello mondiale”, le gallerie hanno rappresentato il 26% di tutte le loro mostre. L'analisi ha anche mostrato che nella fase emergente delle loro carriere, ci sono state 4.060 gallerie commerciali e 84 fiere d'arte ad esporre le opere di artisti giovani; questi soggetti hanno rappresentato quasi la metà di quelli coinvolti in allestire mostre di artisti in generale, con i musei attestantisi al 20%.

• Previsioni: il 91% dei rivenditori ha stimato che le proprie vendite saranno aumentate o rimaste stabili nei prossimi 12 mesi, con il 9% che prevedeva invece un calo. Il 37% dei rivenditori prevede una maggiore redditività netta nel 2021 rispetto al 2020, con un ulteriore terzo immagina che i profitti rimarranno stabili. La maggior parte dei rivenditori (78%) ha previsto che il loro numero di occupati rimarrà stabile, con il 4% che stima un ulteriore calo occupazionale e il 18% che ha invece in programma di assumere più dipendenti. Il 64% ha previsto che le vendite online continueranno ad aumentare nel nei prossimi 12 mesi, con solo il 5% che prevede un calo attraverso questo canale. Il 66% ha anche previsto un aumento delle vendite delle fiere d'arte, con il 13% che prevede per altro verso un calo. Il 69% dei i rivenditori ha riferito che mantenere i rapporti con i collezionisti esistenti è la priorità nel 2021, seguita da vendite e mostre online (50%) e partecipazione a fiere d'arte.

Traduzione a cura di Paolo Turati

Traduzuione a cura di Paolo Turati

Ti potrebbero interessare anche: