lineaitaliapiemonte.it | 18 marzo 2020

Coronavirus, analisi di 355 casi: 12 i decessi accertati per Covid-19, altri avevano pluripatologie

Il dato che si evince dall'analisi di 355 cartelle cliniche giunte all'Istituto Superiore di Sanità, e riportato dall'agenzia Nova, mostra che , su questo primo esame delle cartelle ( ne sono pervenute 2003) sono 12 i decessi di persone prive di patologie pregresse. Tutti gli altri erano affetti da altre patologie gravi. Metà dei casi presentantavano 3 patologie contemporaneamente

Secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Nova, l'Istituto Superiore di Sanità sta analizzando oltre 2000 cartelle di persone decedute con il coronavirus.

Ne emerge che 12 sarebbero i decessi causati in modo diretto dal coronavirus mentre gli altri pazienti “avevano altre patologie gravi, che ne hanno causato la morte.Quasi il 50 per cento dei deceduti aveva ben 3 patologie pregresse, e la media, tra i 343 morti per cause secondarie, è di 2,7 patologie a persona. I 12 pazienti deceduti, pari al 3,38 per cento del campione esaminato, non presentavano, invece, alcuna patologia pregressa, il che significa che la loro morte è stata causata, appunto, dal Covid-19”.

Più precisamente, “90 pazienti, pari al 25,4 per cento del campione, ne avevano 2; e ben 169, pari al 47,6 per cento, presentavano 3 o più patologie”.

La stessa agenzia riporta l'età dei pazienti deceduti: sono diciassette quelli deceduti e positivi al Covid-19 di età inferiore ai 50 anni. Nello specifico, “5 di questi avevano meno di 40 anni: si tratta di soggetti di sesso maschile e di età compresa fra i 31 ed i 39 anni con gravi patologie preesistenti. Tra queste, patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche ma anche diabete ed obesità”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: