lineaitaliapiemonte.it | 07 ottobre 2019

Balon, un tranquillo week end di normalità dopo l' intervento per liberare la zona dai venditori abusivi

Comitati, residenti, commercianti del Balon e dell'area torinese di San Pietro in Vincoli tornano dopo tanto tempo alla normalità: “Ringraziamo tutti coloro che per rendere il Balon fruibile in serenità: da oggi chi vive e lavora qui non si sente più abbandonato dalle istituzioni”. Ma quanta fatica per arrivare a questo risultato...

Ecco il testo della lettera pubblica firmata da comitati, associazioni, residenti, commercianti della zona del Balon e di San Pietro in Vincoli:

“Residenti, commercianti e ambulanti intendono ringraziare il Sig. Prefetto, la Sig.ra Sindaca e il Sig. Questore per aver saputo affrontare con determinazione il problema storico dell’area di Canale dei Molassi e del parcheggio di San Pietro in Vincoli.

Nonostante la buriana sollevata ad arte da oppositori vari, finalmente siamo riusciti a vivere a casa nostra nel rispetto del quieto vivere e finalmente a lavorare.

Abbiamo letto le varie dichiarazioni pubblicate nei mezzi di stampa e nei vari network e ci hanno colpito alcune cose a cui vale la pena di rispondere.
Prima di tutto troviamo ignobile rendere eguale la giusta delimitazione di un percorso che non deve essere lasciato a dei mezzi che abuserebbero di un territorio a disposizione di tutti come un parcheggio, con la teoria dei “muri”.

I muri contemporanei sono ben altra cosa che un limite stradale, sono luoghi nei quali si rischia di morire per il fatto solo di essere nati da una parte o dall’altra.


Usarla, questa parola per degli scopi di scontro politico non solo riduce la portata storica di ciò che avviene intorno ai muri veri ma definisce l’ipocrisia di chi li usa perché non ha altri validi argomenti.
Non è che i problemi sociali mancassero sin da quando è stato inventato di sana pianta il mercato di libero scambio, è solo che sono stati affrontati con una banalità impressionante che ha provocato una quantità di problemi impensabile che sono sempre stati negati.

Il fatto che oggi sia stata approntata un’area pulita, attrezzata, onorevole, lontana dalle case di civile abitazione e facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici non può essere spacciato per disattenzione ai problemi che vessano una parte della gente di Torino.

La crisi economica investe la città così come tutto il paese, ben altri sono i mezzi che dobbiamo chiedere a chi governa la nazione che non la possibilità di vendere della roba raccattata nei bidoni dell’immondizia.

Noi oggi desideriamo ringraziare tutti coloro che con abnegazione e spirito di servizio da ieri hanno presidiato il territorio: Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Municipale, raggiungendo lo splendido risultato di far si che buona parte degli operatori dell’Associazione Vivi Balon abbiano raggiunto senza problemi l’area di via Carcano e che il Balon oggi si sia svolto nella più totale serenità ricevendo un numero maggiore di visitatori che con soddisfazione hanno potuto godere di una situazione impensabile solo qualche settimana fa.

Grazie ad un’operazione perfetta e curata nei minimi dettagli non solo si è riusciti a fare un intervento delicato e complesso ma si è anche reso possibile il normale svolgimento del mercato storico del Balon e di Porta Palazzo che costituiscono una delle più grandi aree mercatali all’aperto d’Europa con decine di migliaia di visitatori.

Nessuna protesta o contestazione da parte degli operatori che in buona parte si sono collocati nella nuova area già ben piena di venditori e raggiunta da visitatori fin dalle prime ore del mattino.

Senza dimenticare la commozione di molti dei residenti che ieri sera hanno potuto finalmente portare i figli a passeggio sotto casa senza temere di poter essere fatti oggetto di attenzioni sgradevoli; hanno potuto finalmente godere del meritato sonno notturno increduli che non ci fossero più schiamazzi, urla, litigi e falò tossici proprio sotto le loro finestre.

Ultimi ma non ultimi i commercianti del Balon che tra l’incredulità e la commozione hanno potuto a loro volta trattare la loro merce con serenità senza essere tiranneggiati.

Grazie anche perché finalmente le aree riservate al parcheggio dei portatori di handicap sono state rispettate e non occupate dagli abusivi e dalle loro cose, grazie perché i marciapiedi e i passi carrai sono rimasti percorribili, grazie perché la piazza non è più stata un orinatoio all’aperto e non è stata ricoperta da montagne di rifiuti abbandonati e grazie perché per una volta le vetture parcheggiate nelle zone limitrofe non sono state vandalizzate durante la notte.

Un ultimo pensiero per coloro che hanno nostalgie di un mercato di libero scambio da “cancello a cancello” di Canale Molassi ma meglio controllato; la risposta la può avere direttamente dalla storia: quel mercato non è mai stato controllato e non è controllabile, anzi non fa che incrementare l’idea che sia possibile adoperarlo anche abusivamente così come hanno dimostrato gli ultimi nove mesi di occupazione fuori controllo.

Neppure chi era titolato a farlo ha più potuto gestire una situazione che, sfuggita di mano, non poteva che essere affrontata impedendola radicalmente.

Da oggi chi vive e lavora qui non si sente più abbandonato dalle Istituzioni.
Oggi abbiamo avuto la prova che anche delle azioni davvero difficili possono essere realizzate se ne esiste la volontà.
Oggi in Borgo Dora e a San Pietro in Vincoli si guarda al futuro con speranza e rinnovato entusiasmo.

Associazioni e Comitati Riuniti di Porta Palazzo
Associazione Commercianti Balon
Associazione Cortile del Maglio
Residenti Condominio via Andreis n. 12
Residenti Condominio via Andreis n. 14
Residenti Condominio via Andreis n. 18
Residenti Condominio via Andreis n. 18/2
Residenti Condominio via Andreis n. 18/4
Residenti Condominio via Andreis n. 18/6
Residenti Condominio via Aosta n. 8
Residenti Condominio via Cirio n. 1
Residenti Condominio via Cirio n. 3
Residenti Condominio via Cirio n. 9
Residenti Condominio via Cirio n.13
Residenti Condominio via Cirio n. 15
Residenti Condominio via Cirio n. 17
Residenti Condominio via Ciriè n. 17
Residenti Condominio via Ciriè n. 31
Residenti Condominio strada del Fortino n. 8
Residenti Condominio via Pesaro n. 26
Residenti Condominio via Pesaro n. 29
Residenti Condominio via Pesaro n. 37
Residenti Condominio via Pesaro n. 40
Residenti Condominio via Pesaro n. 43
Residenti Condominio via Pesaro n. 44
Residenti Condominio via Pesaro n. 50
Residenti Condominio via Robassomero n. 5
Residenti Condominio via Rovigo n. 2
Residenti Condominio via Rovigo n. 4
Residenti Condominio via Salerno n. 52
Residenti Condominio via Sassari n. 3
Residenti Condominio Corso Vercelli n. 1
Residenti Condominio Corso Vercelli n. 2
Residenti Condominio Corso Vercelli n. 4
Residenti Condominio Lungo Dora Firenze n. 19
Residenti Condominio Lungo Dora Firenze n. 23
Residenti Condominio Lungo Dora Firenze n. 25
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 14
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 16
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 18
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 20
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 22
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 22bis
Residenti Condominio Lungo Dora Napoli n. 26”

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: