lineaitaliapiemonte.it | 09 agosto 2019

Il presidente Cirio oggi a Chiomonte per un sopralluogo al cantiere Tav. A che punto è l'opera

Il direttore generale di TELT Mario Virano, insieme al direttore costruzioni Piergiuseppe Gilli, ha accolto la delegazione e ha illustrato l’avanzamento dei lavori italiani e francesi per l’opera che fa parte del Corridoio Mediterraneo, una delle 9 dorsali della rete di trasporto ferroviario TEN-T.

Il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio ha effettuato oggi un sopralluogo al cantiere italiano della Torino-Lione a Chiomonte, accompagnato dai membri della giunta regionale.

Il direttore generale di TELT Mario Virano, insieme al direttore costruzioni Piergiuseppe Gilli, ha accolto la delegazione e ha illustrato l’avanzamento dei lavori italiani e francesi per l’opera che fa parte del Corridoio Mediterraneo, una delle 9 dorsali della rete di trasporto ferroviario TEN-T.

L’infrastruttura, finanziata dall’Unione Europea, è al 18% di realizzazione: scavati circa 9 km di tunnel in cui passeranno i treni; già appaltato il 21% delle opere previste; avviate le procedure dell’affidamento lavori per tutto il tunnel di base; 4 cantieri aperti al momento, per un totale di circa un migliaio di risorse impiegate.

Sono stati inoltre confermati i prossimi step operativi, tra cui l’ampliamento del cantiere della Maddalena (in autunno), il prossimo lancio delle gare d’appalto per la realizzazione dello svincolo autostradale da parte di Sitaf (entro ottobre) e l’affidamento dei lavori per le nicchie d’interscambio (fine 2019), funzionali all’avanzamento dei lavori. Il direttore generale ha inoltre ricordato che al servizio del cantiere sorgerà a Salbertrand la fabbrica dei conci, grazie al recupero di un’ampia area ex-industriale destinata alla valorizzazione dei materiali di scavo estratti a La Maddalena. La fabbrica, con uffici, aree di stoccaggio e depurazione delle acque, avrà lo scopo di produrre i conci di rivestimento del tunnel di base e impiegherà fino a 100 persone.

Il governatore del Piemonte è entrato nel cunicolo de La Maddalena, dove è stata scavata una galleria geognostica di oltre 7 km e che ospiterà il maggiore cantiere italiano per il tunnel di base della grande opera transfrontaliera. Qui sono in corso i monitoraggi ambientali e i lavori per la manutenzione del cunicolo esplorativo, che sarà utilizzato per il transito dei mezzi che lavoreranno in galleria.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche: