Editoriali | 31 luglio 2019

Espelliamo il criminale californiano: individui così non li vogliamo nemmeno in una nostra galera. Di Riccardo Ruggeri*

In questo clima in cui le caserme dell’Arma vengono considerate da alcuni come tante Abu Ghraib, sarebbe forse meglio rinunciare al procedimento e restituirlo agli Stati Uniti. Un individuo di tal fatta è un criminale non degno di stare in una nostra galera. E’ un loro figlio, gli americani decideranno per il meglio. E soprattutto là tutti parleranno inglese

Mi piacerebbe scrivere al Presidente Conte, da italiano apòta, per chiedergli di espellere subito il giovane criminale californiano. Con la modalità che crede, anche impacchettandolo su un aereo di stato per una pronta consegna nelle mani del suo Presidente. Individui così non li vogliamo, appartengono a un mondo di inquinatori, di portatori di metastasi. Donald Trump saprà cosa farne. Quando vivevo in America, se ricordo bene vigeva la regola che per chi uccideva un poliziotto la pena minima era molto alta. Il destino giudiziario di costui non deve interessarci. Noi lo espelliamo, prima del processo, senza chiedere nulla in cambio, loro facciano ciò che credono.

Il fatto è incontrovertibile: un giovane cocainomane californiano uccide con undici coltellate un carabiniere, usando un coltello da marines che, pare, si fosse portato da casa, punto. Su questo episodio media, politici, intellò, uomini della strada, ci si sono buttati a capofitto, parlando, parlando, scrivendo, scrivendo. In tre giorni, mischiando legalità, sensibilità, odio sociale, politica politicante, menzogne seriali, insulti reciproci, hanno costruito una serie di orrende fake truth, coinvolgendo la figura (nobile per definizione) del carabiniere ucciso.

Ci hanno raccontato di tutto e di più e fatto i commenti più curiosi. Il giovane californiano è di buona famiglia, non sapeva che chi stava accoltellando era un carabiniere (sic!). No, è un giovane criminale, cocainomane perso che i compagni di scuola, interpellati, definiscono un picchiatore e un delinquente (sic!). Poi viene presentato come un poveretto che ha subito un bendaggio illegale durante un interrogatorio (interviene il Procuratore Generale Salvi dice: interrogatorio regolare, scopriremo l’autore del bendaggio e della foto). Poi la famiglia. Appartiene al mondo del milieu californiano di alto livello, finanziere il padre, immobiliarista la madre, casa nel Sunset District di San Francisco, proprietà sparse nella Marin County, e che dicono? “Perché nessuno parla con lui in inglese?” e poi si chiudono in un dignitoso silenzio (sic!). Altri fanno passare il messaggio che è inutile processarlo, perché il processo è comunque da trasferire alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (sic!). La più sincera, in fondo in fondo, è stata la professoressa novarese di storia dell’arte che, d’impeto, ha declinato, in linguaggio corrente, ciò che pensavano lei e quelli del suo ampio milieu sociale.

Questa è parte della ricostruzione mediatica (che in realtà maschera un mondo capovolto qual è il nostro attuale), al contempo sarà vera e falsa, com’è d’uso ormai nel magico mondo delle fake truth ? Per fortuna, i nostri concittadini, grazie alla rete, sono sul pezzo, ormai non si fanno più gabbare da questi birbanti della comunicazione e ognuno si sarà fatta la sua idea.

Di certo in questo momento, ove il clima d’odio (politico) fra noi si è fatto smog, quando le caserme dell’Arma vengono considerate da alcuni come tante Abu Ghraib, sarebbe forse meglio rinunciare al procedimento e restituirlo agli Stati Uniti. Un individuo di tal fatta è un criminale non degno di stare in una nostra galera. E’ un loro figlio, gli americani, con le loro leggi ove i diritti degli imputati sono garantiti da una Costituzione persino, pare, più bella della nostra, decideranno per il meglio. Soprattutto là tutti parleranno inglese e in inglese sarà scritta la sentenza.

Noi torniamo al latino e diciamo a tutti, senza odio e senza ironia: Vade in pace.

Zafferano.news

*Riccardo Ruggeri, operaio Fiat per 40 anni poi Ceo di New Hollande, manager, imprenditore, giornalista, editore, scrittore.

Riccardo Ruggeri